L’ANGIULINA CONQUISTA ANCHE VIGEVANO

Pubblicato il 18 marzo 2016 alle 16:56

Grande successo per la compagnia dialettale mortarese che a Vigevano, presso il teatro Odeon, ha visto la partecipazione di 700 spettatori nelle serate di venerdì e sabato. La compagnia, dopo il debutto dello scorso anno a Mortara con 4 esilaranti serate è tornata a Vigevano 26 anni dopo quel 1990 quando Ermanno Lesca portò in scena “Angiulina Holiday”.

Mario Lino, attore che per tanti anni ha fatto parte della compagnia “I LEGNANESI” ha deciso di assemblare le parti migliori degli spettacoli scritti dallo stesso Lesca, scomparso qualche anno fa, proponendo al pubblico “ANGIULINA CUNTA SU”.

La parte dell’Angiulina, sempre caratterizzata da Ermanno Lesca, è stata assunta sapientemente da Roberto Paglino, mentre Massimo Ricci ha interpretato la Carlotta, Paolo Santagostino la Tecla, Teresio Papetti il simpatico Artemio. Da segnalare la presenza di Pierino Gè storico attore della compagnia che è tornato in scena alla veneranda età di 91 anni.

Proprio in quel 1990 – Angiulina Holiday – faceva parte del corpo di ballo un adolescente Marco Clerici che Mario Lino ha voluto chiamare, questa volta in qualità di cantante, per interpretare brani di grande successo e che bene si sono inseriti in scene dedicate quali Granada, L’Istrione e Buona sera signorina.

Il corpo di ballo ha dato un tocco di qualità sullo stile di quello “spettacolo-commedia” che tanto successo ha portato alla storica compagnia legnanese divenuta casa abituale dell’oggi sapiente regista Mario Lino.

I giochi di luce di Giorgio Magni hanno dato completezza ad uno spettacolo riuscito e apprezzato dal pubblico.

Grande impegno anche da parte dei costumisti, trucco, parrucco e macchinisti senza i quali non sarebbe materialmente possibile realizzare uno spettacolo complesso come quello andato in scena.

Clerici canta

Marco Clerici canta “GRANADA”

Clerici balla

Gloria Bonetalli e Marco Clerici in “Buonasera Signorina”

Clerici recita

Marco Clerici canta “Buonasera Signorina”



Risposta

Creiamo una discussione. Commenta questo articolo rispettando l'autore e tutti gli altri utenti.